Viale Roma, 15 06122 Perugia
+393498618557
smascherati@humanbeings.it

Teatro Rifugio

Teatro Rifugio è un progetto che mira a favorire l’inclusione sociale di richiedenti asilo e titolari di protezione, attraverso un articolato laboratorio teatrale. 

I partecipanti condividono il processo creativo con altre persone provenienti da ogni parte d’Italia e del mondo con le più diverse esperienze di vita, dove confondersi, esseri umani tra esseri umani. Il laboratorio infatti si sviluppa in parallelo prima e insieme poi al Laboratorio teatrale interculturale Human Beings, fino a dare come esito uno spettacolo finale. 

Il metodo di lavoro è frutto dell’esperienza maturata in 25 anni di attività del laboratorio teatrale interculturale Human Beings, cui si sono aggiunte negli anni specifiche esperienze con richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale, in particolare con i progetti Teatro Rifugio (2011-2014) e Oltre il ponte (MigrArti 2016).

La conduzione del laboratorio è affidata a Danilo Cremonte.

Negli ultimi due anni il progetto è stato supportato dall‘Otto per mille della Chiesa Valdese.

Da quest’anno Teatro Rifugio riceve il patrocinio di Amnesty International.

 

Clicca i link qui sotto per scoprire tutte le edizioni

Non canterò nessuna canzone                                  non c’è fuoco che scalda        solo fuoco che brucia  stanze gelate incendiate        e scappare, scappare            tutto lasciare

lasciare le scarpe le stringhe                                    il bicchiere                                lasciare anche l’anima          cosa ci faccio”

Walter Cremonte, Esuli (“Respingimenti”, ed. LietoColle 2011)

Teatro Rifugio – luogo protetto per il racconto dell’esilio” 

Vivere significa errare da un’isola all’altra, ognuna delle quali diventa un po’ la nostra patria.” Édouard Glissant.

Le persone rifugiate e richiedenti asilo vivono una condizione esistenziale non autonoma, marginalizzata e con non facili problemi di integrazione. Il laboratorio teatrale – luogo di relazioni, terreno di gioco dei corpi e della fantasia – è già di per sé un’occasione per evadere da un’esistenza programmata da altri, rimuovendo blocchi e stimolando la “funzione creatrice dell’immaginazione…, condizione necessaria della vita quotidiana” (Gianni Rodari).

L’autonomia materiale e la maturazione del desiderio di una reale integrazione necessitano la preliminare ricostruzione delle identità drammaticamente lese. Il laboratorio teatrale garantisce una condizione “protetta” in cui è possibile favorire tale percorso attraverso la pratica dell’improvvisazione e dell’auto-narrazione.

Il laboratorio è diretto da Danilo Cremonte, coadiuvato da Anna Poppiti e Jhans Serna Rayme.

Volontari dell’Associazione “Smascherati!” e tirocinanti offrono la loro collaborazione per la realizzazione dell’iniziativa.

Perugia – Complesso Sant’Anna. Periodo di svolgimento: tutto l’anno.

Teatro Rifugio 2022” ha il patrocinio di “Amnesty International – Sezione italiana” ed è finanziato dalla Chiesa Valdese attraverso il Bando “Otto per mille”.

Partner del progetto: Regione dell’Umbria, Comune di Perugia, ANCI Umbria, Arci-solidarietà, COOP sociale Perusia, Unitatis Redintegratio Soc coop.